Trans boy subisce aggressività e si scatena: "Quelli che non sono uomini sono questi"

“Non sei un uomo? Quindi prendi il pestaggio. " Fu con queste parole che il giovane Kaíque Santos Lima iniziò a essere picchiato ieri sera (6), a Barueri (SP), da due uomini che non conosceva, ma che lo chiamò per nome. L'attacco è avvenuto di notte, quando stava tornando dal college. Il crimine ha ogni segno di intolleranza alle differenze: Kaique è un ragazzo transgender, nel senso che è nato in un corpo femminile.

Il suo post su Facebook che conta l'aggressione ha ricevuto oltre 13.000 Mi piace e 2.000 condivisioni. La stragrande maggioranza, fortunatamente, sostiene il diciottenne che riferisce di aver pianto molto dopo l'attacco, lamentandosi di non essere nato "un uomo del tutto". Kaique ha trovato conforto negli amici e poi ha detto di aver capito di essere, sì, un uomo completo, anche se transessuale.

Kaíque ha pubblicato su Facebook il risultato delle aggressioni subite

"Quelli che non sono uomini sono questi ... Potrei non avere un cazzo in mezzo alle gambe, ma ho qualcosa di meglio che si chiama PERSONAGGIO e che nessuno può prendere da me", ha scritto il ragazzo nel suo sfogo. Si riferisce agli assalti verbali che ha ricevuto, come "Facciamo in modo di tornare ad essere di nuovo una donna" e "Non hai nemmeno un cazzo".

Attualmente, in Brasile, la transfobia e l'omofobia non sono considerate un crimine. Naturalmente, l'attacco subito da Kaíque non è supportato dalla legge, ma sfortunatamente punire gli aggressori è un compito difficile. Nel frattempo, sono liberi di praticare altri casi di intolleranza. Tuttavia, Kaíque ha presentato un rapporto della polizia alla stazione di polizia civile di Barueri e noi della Mega Curioso speriamo che i colpevoli vengano identificati e puniti.

Lo sfogo completo

***

Preferisci una punizione specifica per il crimine di intolleranza di genere? Commenta sul Mega Curious Forum