Inca Empire: i bambini furono affondati nel fiume ghiacciato per smettere di piangere

Gli Incas formarono un popolo precolombiano che occupava il Sud America nelle regioni di Perù, Bolivia, Cile ed Ecuador. Al suo apice, intorno al 1500, c'erano circa 14 milioni di persone che vivevano sotto il comando stabilito nella città di Cusco. Con l'arrivo dei colonizzatori spagnoli, la comunità Inca fu praticamente decimata.

Nonostante sia un simbolo della cultura sudamericana, molti rituali inca farebbero impazzire i popoli di oggi della regione - compresi noi brasiliani! Soprattutto se consideriamo il modo in cui i bambini e gli adolescenti sono stati trattati in questa società.

Per cominciare, i minori hanno servito come offerta umana agli dei Inca. Era comune che i bambini fossero avvelenati con alcool e foglie di coca e successivamente abbandonati nelle Ande, dove morirono congelati. E i loro genitori non ne soffrirono nemmeno, poiché era un privilegio offrire ai bambini sacrifici alla tribù.

Le mummie di bambini congelati si trovano nelle Ande

Il metodo per smettere di piangere

Un'altra curiosità era il modo in cui le madri facevano smettere di piangere i loro figli piccoli: mentre trasportavano la loro prole dappertutto, quando qualcuno emetteva l'urlo, la madre lo immerse nelle acque gelide di un fiume. Quindi o tacevano o morivano di ipotermia.

A 2 anni si è verificato il primo taglio di capelli e il bambino ha guadagnato il suo nome in un rituale chiamato Rutuchicoy. Da allora in poi, facevano già parte della società e avevano compiti che includevano prendersi cura degli animali, incombere o produrre birra. Già i bambini dei più nobili Incas potevano studiare dall'età di 8 anni, purché, ovviamente, fossero considerati belli!

Questo soffocamento è terminato solo a 14 anni, quando il bambino è stato considerato adulto e ha ricevuto una bash che è durata fino a 3 settimane!

Fin da piccoli hanno fatto parte della distribuzione dei compiti della tribù

***

Mega è in competizione per il premio Digital Influencers e puoi aiutarci a essere doppi campioni! Clicca qui per scoprire come. Divertiti a seguirci su Instagram e iscriviti al nostro canale YouTube.