Gli archeologi trovano una "cucina" di 300.000 anni in Israele

Mentre ci sono prove che gli ominidi usassero il fuoco per circa un milione di anni, nessuno può essere sicuro quando i nostri antenati iniziarono a preparare i loro pasti in un luogo specifico per esso. Tuttavia, secondo il sito web di Gizmodo, un'importante scoperta fatta da archeologi in Israele può aiutare a chiarire questo mistero.

Secondo la pubblicazione, i ricercatori hanno trovato in una grotta conosciuta come Qesem - situata vicino a Tel Aviv - i resti di una vecchia "cucina". Calmati, gli scienziati non hanno trovato sedie, posate e una stufa! Infatti, attraverso la spettroscopia infrarossa, gli archeologi hanno identificato uno spesso strato di cenere accumulata sul pavimento della caverna da cui è stato prelevato un piccolo campione per l'analisi di laboratorio.

Il campione è stato tagliato in vetrini molto sottili e l'analisi di questo materiale ha rivelato microstrati composti da strati e più strati di cenere. Da queste informazioni, gli archeologi hanno concluso che il sito è stato utilizzato numerose volte per la preparazione dell'incendio, ovvero che lì vi era una "cucina". Inoltre, la scoperta ha rivelato che gli ominidi che abitavano la caverna avevano seguito alcuni rituali domestici per 300.000 anni.

Casa di pietra

Fonte immagine: riproduzione / Gizmodo

La scoperta della cucina è della massima importanza, poiché gli archeologi hanno cercato per decenni di identificare il momento esatto in cui gli esseri umani che vivevano durante il Neolitico - o "Età della Pietra" - si sono evoluti in esseri umani moderni. Pertanto, proprio come la costruzione di utensili è stata una pietra miliare nella storia dell'evoluzione umana, così è la scoperta di case con spazi domestici definiti.

Come hanno spiegato gli archeologi, l'identificazione della cucina rappresenta un'importante pietra miliare nello sviluppo della cultura umana, in quanto determina quando i nostri antenati hanno iniziato a usare il fuoco frequentemente per preparare i pasti o come luogo di incontro per la socializzazione di gruppo. La scoperta rivela anche qual era il - sorprendente - grado di sviluppo sociale e cognitivo presentato dagli umani 300.000 anni fa.

***

La grotta Qesem è stata scoperta nel 2010 e da allora è stata scavata dagli archeologi. Oltre alla cucina, sono già stati trovati denti fossilizzati, strumenti e persino bistecche di manzo, e risalire agli artefatti indicava che il sito era occupato da antichi ominidi, specie che alla fine si sono evolute in esseri umani moderni.